Visualizzazioni totali

venerdì 29 gennaio 2016

Abstract Simposio SOPSI 25 febbraio 2016 ore 17.30 Sala Red

Simposio: RICERCA AVANZATA. 
Titolo Sessione: Gli Interventi Cognitivo-comportamentali di gruppo in SPDC tra "vecchie" e "nuove" psicopatologie
 
Moderatori: L. Grassi (Ferrara), M. ruggeri (Verona)
 
P. Simonato (Ferrara): Lo Stigma come area tematica negli interventi di gruppo cognitivo-comportamentali nei reparti di psichiatria ospedaliera
 
F. Lepre (Salerno): Intervento Cognitivo-Comportamentale di Gruppo: esperienza nello SPDC di Nocera Inferiore
 
F. Veltro (Campobasso): Efficacia, Diffusione ed Evoluzione dell'Intervento Cognitivo-Comportamentale di Gruppo in SPDC
 
 

Abstract inivato per la SOPSI 2016:

SCOPO. Lo scopo del lavoro è descrivere l’Intervento Cognitivo Comportamentale di Gruppo nel Servizio Psichiatrico di Diagnosi e Cura a cura di Vendittelli et al. (2015) in uso da quindici anni in Italia, l'efficacia pratica, la diffusione e l'evoluzione dell'intervento che si basa in modo esplicito su un approccio dimensionale al disturbo mentale.
MATERIALI E METODI. Relativamente all'efficacia sono stati selezionati gli studi condotti in diversi contesti geografici con un follow-up uguale o superiore ad un anno, un disegno di studio pre-post con controllo interno, e con i seguenti indicatori di processo o di esito: atmosfera di reparto, atti di violenza e aggressività, contenzioni, allontanamento dai reparti, ricadute in TSO e in TSV e soddisfazione. Relativamente alla diffusione essa è stata accertata attraverso i motori di ricerca sul web e soprattutto attraverso i contatti telefonici stabiliti con i professionisti che hanno effettuato un training di formazione per l'approccio, indispensabile per effettuare il trattamento di gruppo in reparto e per garantire la riproducibilità dell'intervento.
RISULTATI. Sono risultati 5 studi con simile metodologia di cui due ad 1 anno (Roma e Foggia), uno a 2 anni (Campobasso), uno a 4 anni (Campobasso) e uno a 5 anni (Arezzo). Nei diversi studi, indipendentemente dalla durata, tutti gli indicatori sono risultati migliorati con significatività statistica con p < .01. Gli indicatori con marcato miglioramento sono stati l'atmosfera di reparto e le riammissioni. L'approccio è risultato molto diffuso nel Nord (soprattutto Lombardia, Veneto, Trentino ed Emilia Romagna), abbastanza nel Centro Italia (Toscana, Lazio ed Abbruzzo) e nel Sud Italia (Molise, Puglia e Campania). Non risultano in assoluto esperienze in Liguria, Basilicata, Calabria e Sicilia.
CONCLUSIONI I vantaggi pratici dell'applicazione di questo approccio consistono soprattutto nel miglioramento del clima di reparto, nella comunicazione positiva tra utenti e tra questi e i professionisti, nella più veloce adesione al trattamento e nella partecipazione attiva e informata alle cure e nella diminuzione delle riammissioni. Il fattore che maggiormente ne ostacola la diffusione è la difficoltà a cambiare lo stile organizzativo di lavoro in reparto. La continua applicazione nei diversi contesti ha suggerito una evoluzione con l'introduzione di nuovi moduli operativi suggeriti dagli stessi pazienti (quello relativo allo Stigma) e dagli infermieri (quello della Consapevolezza del Disturbo e del Problem Solving). Come conseguenza della vasta diffusione e della evoluzione dell'approccio con nuovi moduli operativi è stata necessaria la pubblicazione della terza edizione del manuale.

Vendittelli N., Veltro F., Oricchio I., Cappuccini M., Simonato P., Roncone R.. L'Intervento Cognitivo-Comportamentale di Gruppo nel Servizio Psichiatrico di Diagnosi e Cura. Edi-Ermes, Milano, 2015.

PURPOSE. The purpose of the paper is to describe the Cognitive Behavioral Intervention Group in Psychiatric Ward (Vendittelli et al., 2015) in use for fifteen years in Italy, the effectiveness, the spread and evolution of the intervention which is based explicitly on a dimensional approach to mental disorder.
MATERIALS AND METHODS. Regarding the effectiveness were selected studies conducted in different geographical contexts with a follow-up equal to or greater than one year, a pre-post study design with internal control, and with the following indicators of process or outcome: atmosphere of the ward,  acts of violence and aggression, contentions, away from the wards, relapses in TSO and TSV and satisfaction. With regard to the spread it was ascertained through survey on the web and especially through established telephone contacts with professionals who have a training course for the approach, which is essential to carry out the treatment group in the department and to ensure the reproducibility
intervention.
RESULTS. 5 studies with similar methodology which two to one year (Rome and Foggia), one to two years (Campobasso), one 4 years (Campobasso) and one to five years (Arezzo) were caried out. In several studies, regardless of the duration, all indicators have shown great improvement with statistical significance at p <.01. The indicators markedly improved were the atmosphere of the department and readmissions. The approach was very popular in the North (especially Lombardy, Veneto, Trentino and Emilia Romagna), much in the center of Italy (Tuscany, Lazio and Abbruzzo) and South Italy (Molise, Puglia and Campania).
They are not absolute experiences in Liguria, Basilicata, Calabria and Sicily.
CONCLUSIONS The practical benefits of the application of this approach consist primarily in the improvement of the climate of the ward, the positive communication among users and between them and professionals, in the fastest adherence to treatment and the active and informed participation in the care and the reduction of readmissions. The factor that most hinders the spread is difficult to change the organizational style of work in the ward. The continuous application throughout prompted an evolution with the introduction of new operating modules suggested by the patients themselves (Stigma) and nurses (Awareness and Problem Solving). As a result of wide spread and evolution of the new modules it was necessary to publish the third edition of the manual.

Vendittelli N., Veltro F., Oricchio I., Cappuccini M., P. Simonato, Roncone R .. The Cognitive-Behavioral Intervention Group in Psychiatric Ward. Edi-Ermes, Milan, 2015.


http://www.ediermes.it/index.php/libri/919-l-intervento-cognitivo-comportamentale-di-gruppo-nel-servizio-psichiatrico-di-diagnosi-e-cura.html

http://www.ediermes.it/index.php/libri/1187-l-intervento-cognitivo-comportamentale-di-gruppo-nel-servizio-psichiatrico-di-diagnosi-e-cura.html

https://services.aimgroup.it/ASPClient/prgsci/main.asp







Follow by Email