Visualizzazioni totali

martedì 6 maggio 2014

NEGLI OPG non ci sono Pazienti Psichiatrici, ma persone che hanno commesso reato in condizione di Vizio di Mente e socialmente pericolosi

Ricevo in corrispondenza privata e mi autorizzano la pubblicazione senza riferimenti. LEGGETE E VERIFICATE COSA STA SUCCEDENDO. 
"Gent.mo dott. Veltro,
le scrivo personalmente perchè condivido e sostengo a pieno la sua battaglia sulla questione OPG. 
Sono un Tecnico della Riabilitazione Psichiatrica e lavoro presso una comunità psichiatrica riab. ad alta intensità terap. nella provincia di .............Grazie alle dimissioni selvagge dall'OPG ci siamo trovati a dover affrontare situazioni veramente pesanti. Il DSM senza nessuna valutazione iniziale ha spedito in comunità soggetti che non avevano nulla a che vedere con le persone con disagio mentale e che hanno messo in atto veramente comportamenti di tipo delinquenziale perlopiù intenzionali, a discapito -in primis- dell'utenza che ci convive 24h/24h e poi degli operatori. Mi sono ritrovato improvvisamente dal formulare progetti riabilitativi e di inclusione sociale e metterli in atto a fare praticamente il SORVEGLIANTE o SECONDINO che dir si voglia per tutta la durata del turno: sedare risse; evitare soprusi, minacce, essere in continuo contatto con le forze dell'ordine che ci hanno dato cmq un grande supporto ma che in sostanza hanno le mani legate.
Le comunità/case famiglia sono già diventate o stanno diventando dei parcheggi dove è impossibile parlare di riabilitazione: oltre alle persone con disagio mentale (che sono là per un vero percorso terapeutico riabilit.) i CSM stanno inserendo senza alcun criterio persone con disturbi non psichiatrici, ...... dall'OPG autori di reato che magari al momento del reato erano sotto effetto di sostanze, persone con GRAVE RITARDO mentale! etc.. etc.. Così non si può lavorare seriamente!
Ha il mio sostegno, quello dei colleghi (che hanno già aderito alla Carta) e quello dei soci!

E.

Follow by Email